Il Tai Chi Chuan e l’Associazione Sportiva Volobliquo

Che cosa è il Tai Chi Chuan
Il Tai Chi Chuan è un’antica arte cinese considerata sia un’arte marziale sia un metodo per il mantenimento ed il recupero del benessere.
È un’arte estremamente raffinata perchè non privilegia la forza muscolare, ma l’energia interna del corpo. Il potenziamento di questo tipo di energia avviene attraverso la correttezza posturale, la pazienza, la leggerezza, ispirandosi a ciò che è stato tramandato dalla tradizione attraverso i secoli.
Allo stesso modo, flessibilità, armonia, profonda serenità, preservano i sistemi di comunicazione del corpo fisico, mentale ed emozionale.
I movimenti che si eseguono nella pratica del Tai Chi Chuan sono lenti, armonici e in sincronia con la respirazione. Predispongono ad un dialogo profondo tra mente e corpo.

L’ispirazione filosofica
Il primo fondamento filosofico del Tai Chi Chuan è incardinato nell’armonia degli opposti e nella loro relatività.
Secondo la filosofia taoista i due principi basilari dell’universo Yin e Yang (femminile e maschile, negativo e positivo, oscuro e luminoso …) sono inseparabili.
Per evitare situazioni di squilibrio o di tensione è essenziale un’interazione armonica tra le due polarità.

Il simbolo che rappresenta questa dualità è il Tai Chi Tu’, il diagramma inscritto in un cerchio, rappresenta visivamente l’alternarsi infinito dello Yin e dello Yang, in forma morbida, equilibrata, vicendevole; con una presenza di Yin nello Yang e viceversa. L’alternanza delle due azioni viene rappresentato anche con l’avanzare, l’indietreggiare, il cambio di peso da un piede all’altro, l’inspirare e l’espirare, l’attaccare e il difendersi che troviamo nella pratica del Tai Chi Chuan.

La corrente filosofica che ha maggiormente influenzato il Tai Chi Chuan è il Taoismo, le cui idee fondamentali sono contenute nel Tao Te Ching, il libro della Via e della Virtù attribuito al filosofo Lao Tzu (VI secolo a.C.), la “Via” è intesa come la legge universale che è insita nella natura e che la regola.

La “Virtù” non ha significato morale, ma va intesa nel senso del potere virtuale. È la magica potenza contenuta in un piccolo seme che può trasformarsi in una grande pianta.

Gli insegnamenti del Tao Te Ching , basati sull’armonia e la relatività degli “opposti”- e quindi sull’impossibilità della prevalenza definitiva di uno sull’altro – invitano l’essere umano a non lottare in contrapposizione con le forze della natura e gli accadimenti ma, da esperto marinaio, a utilizzare a proprio vantaggio anche il vento contrario, divenendo sempre più naturale, spontaneo, in accordo con le leggi naturali.

“Nulla al mondo è più molle e cedevole dell’acqua,
ma nell’attaccare ciò che è duro e forte nulla riesce a superarla…
la cedevolezza prevale sulla forza, la morbidezza vince la durezza”
(dal Tao Te Ching).

 

Le origini del Tai Chi Chuan
Il Tai Chi Chuan è una disciplina molto antica. Sembra infatti che già durante il dominio della dinastia Tang (618-907 d.c.) esistesse uno stile marziale molto simile ad essa, ma la sua effettiva origine è stata da sempre attribuita al monaco taoista Chang San Feng, vissuto nel tredicesimo secolo.

Molta parte della vita di questo monaco si svolse nel monastero Shao Lin Szu, nella provincia di Ho Nan, monastero nel quale insegnò alcuni secoli prima, Bodhidarma, fondatore del Buddismo Zen, che introdusse i monaci a numerose tecniche di respirazione per alleviare dolori fisici e debolezza.
Chang San Feng, già esperto conoscitore di tecniche di respirazione e di meditazione chiamate Qi Gong, apprese al tempio i segreti della boxe Shao Lin praticata dai monaci e considerata l’origine di tutte le arti Marziali. Sempre secondo la leggenda un giorno Chang San Feng assistette al combattimento tra una gru ed un serpente. Intuì, osservando il modo di affrontarsi dei due animali, che in ogni combattimento, la cedevolezza e la morbidezza vincono sulla durezza e la forza. Unì quindi le tecniche di Qi Gong e le sue conoscenze sull’ energia alla disciplina Shao Lin.

Creò in questo modo il Tai Chi Chuan.

Inizialmente la conoscenza del Tai Chi Chuan fu gelosamente custodita tra le mura di nobili famiglie e tramandata di generazione in generazione. La famiglia Chen sviluppò il suo stile intorno al diciassettesimo secolo. Ma fu Yang Lu Ch’an a fondare una scuola pubblica di Tai Chi Chuan A Pechino (nei primi decenni del 1800). Nacque in questa fase lo Stile Yang e, quasi contemporaneamente, si svilupparono altri stili come il Wu e il Sun. Questi stili si differenziano principalmente per il tipo di postura con cui vengono eseguite posizioni e tecniche.

Il Tai Chi Chuan che pratichiamo
Lo stile Yang che è giunto fino a noi si ispira alla, relativamente recente, sistemazione didattica voluta dal GM Yang Sau Chung che ha fondato nel 1971 la scuola ITTCA per preservare e diffondere lo Stile Originale della famiglia Yang.
In Europa il responsabile di questo Stile è il Maestro Chu King Hung.
Il programma di insegnamento dell’ITCCA affronta in maniera metodica ed approfondita tutti gli aspetti dell’ampio panorama di esercizi tramandato di generazione in generazione dalla famiglia Yang.

Nei programmi di insegnamento sono previsti:

Esercizi Taoisti: per l’apertura e il rilassamento del corpo.

Qi Gong: lavoro sull’energia.

Yi Gong: lavoro sull’intenzione.

Forma originale della famiglia Yang: successione di 108 movimenti da eseguire in modo lento e fluido.

Tui Shou: esercizio a coppia.

Forma con la spada.

Forma con la sciabola.

I nostri insegnanti si sono formati nel solco di questa tradizione, attingendo ai contenuti dell’Ittca attraverso la guida degli insegnanti autorizzati dal Maestro Chu e attraverso gli insegnamenti collettivi che lui stesso ha proposto nei seminari italiani ed europei.
Una pratica lunga e approfondita costituisce la base per offrire una didattica completa, aggiornata, vicina alla tradizione e, nello stesso tempo, in continuo divenire.
Tutti gli insegnanti Volobliquo sono abilitati alla trasmissione di questa disciplina dall’Ente di Promozione Sportiva UISP – Area Discipline Orientali e/o Libertas.
Gli insegnanti Volobliquo sono in “formazione continua”, aderiscono e sono stati essi stessi tra i promotori del progetto di ricerca e formazione sul Tai Chi stile Yang denominato WU WEI Tai Chi.

Volobliquo, la mission.
L’Asd Volobliquo, fondata nel 2010, ha tra i suoi obiettivi la diffusione del Tai Chi Chuan quale metodo per il benessere e per l’integrazione virtuosa tra mente e corpo. È un metodo che può essere proposto a tutti. Persone di ogni età e con diverse abilità psicomotorie o diverse condizioni fisiche possono accedervi intraprendendo da subito un proficuo dialogo con il proprio corpo.

L’azione che Volobliquo ha intrapreso è rivolta a moltiplicare le occasioni per praticare, far conoscere, approfondire il Tai Chi Chuan cercando di renderlo “accessibile” sia sul piano comunicativo che sul piano economico. In questo senso sta operando per coniugare l’alta qualità dell’insegnamento con la disponibilità a privilegiare un ambito territoriale, istituzionale o privato che permetta una fruizione allargata a più persone, con disponibilità di tempo e di economia personale, di vario tipo.
In questa direzione è impegnata quando promuove momenti di pratica all’aperto o corsi in strutture come scuole, associazioni territoriali, istituzioni.

Volobliquo si sta adoperando anche per dialogare con altre forme culturali, artistiche e per il benessere.

La ricerca nel campo del movimento consapevole, della sensorialità, dell’espressione artistica è un terreno comune ad altre forme espressive e può trovare nuove sinergie attraverso la sperimentazione e l’incontro.

 

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar